fbpx

Taglio al plasma: vantaggi e applicazioni

Share on facebook
Condividi
Share on linkedin
Condividi

Sei un’azienda o un privato, e ti stai chiedendo come effettuare tagli a lamiere o a materiale metallico in modo rapido e preciso, ma non spendendo troppo? La risposta è semplice. 

Oggi è possibile farlo con il taglio al plasma.

Il taglio al plasma è un processo di lavorazione, nato da una preesistente tecnologia, la saldatura al plasma. Il passaggio è racchiuso nel brevetto di Robert Gage, che introduce un elemento aggiuntivo, un ugello, alla torcia della struttura di funzionamento, ugello, che costringe il plasma ad attraversare una parete di una forma ben definita. Il risultato è quello di avere un getto molto più sottile e stabile, tale da avere una potenza specifica e una temperatura talmente alta da essere in grado di tagliare i metalli, anche i più spessi e resistenti. 

Il getto al plasma  viene realizzato erogando dall’ugello della torcia, del gas ad alta velocità, che viene rapidamente trasformato in plasma, attraverso un arco elettrico  generato tra l’ugello, che rappresenta l’elettrodo  e la superficie da tagliare, che costituisce, invece, l’anodo. Il plasma trasformato, che fa poi da ponte a questo circuito elettrico, trasferisce calore al materiale metallico fino a portarlo alla temperatura di fusione, permettendone l’incisione ed il taglio. 

Cancello pantografato con macchinari al plasma

Inoltre, l’energia cinetica liberata dal gas espelle il metallo fuso dalla zona di taglio, permettendo il procedere della lavorazione ma anche l’eliminazione degli scarti (scriccatura al plasma o sgorbiatura). 

A questo punto, ci si chiede, ma cos’è il plasma utilizzato in questo processo di lavorazione ? Il plasma è un gas ionizzato con carica elettrica pari a zero, formato cioè da un ugual numero di ioni positivi e negativi che risulta, quindi, neutro nel suo insieme. 

I vantaggi derivanti dall’utilizzo del taglio al plasma sono molteplici:

Innanzitutto possono essere lavorati tutti i materiali metallici, di diversa tipologia e spessore, dalle lamiere più sottili a quelle più spesse e resistenti. Il taglio può essere effettuato su lamiere in acciaio inox fino a raggiungere lo spessore di 150 mm

Il processo di lavorazione è molto rapido, per cui ne derivano tempi di esecuzione ridotti, garantendo, comunque, un’elevata qualità del prodotto finale.

Altro aspetto da valutare, non secondario, sono i costi, in questo caso contenuti e adeguati alla tecnologia utilizzata. 

Il processo implica, come già detto, contemporaneamente al taglio, l’eliminazione del materiale di scarto,  che ne riduce ulteriormente tempi e costi

Nonostante i tempi ed i costi ridotti, l’efficienza ed il risultato del taglio sono migliori rispetto ad altre metodiche di lavorazione. Il taglio al plasma garantisce un’elevata precisione ed un’ampia applicabilità. 

Elemento di Design creativo realizzato con macchinari al plasma

È in sintesi, il processo di lavorazione, che presenta il miglior compromesso tra le diverse caratteristiche, con un ottimo rapporto  tra tempi, costi ed efficienza del processo. 

Il taglio al plasma ha anche un suo impiego ecologico, in quanto utilizzato nell’eliminazione e successivo recupero di materiali metallici di scarto e rifiuti come elettrodomestici non funzionanti e non più utilizzati. 

Il taglio al plasma è diventato un processo non sostituibile in alcuni suoi utilizzi, come ad esempio, il taglio di metalli curvati e superfici variamente angolate. Per cui, nel montaggio, riparazione, manutenzione di cancelli, ringhiere o balaustre risulta essere, ormai, indispensabile. 

Articoli simili