fbpx

Pergola bioclimatica: servono dei permessi? Quali sono i vantaggi

Share on facebook
Condividi
Share on linkedin
Condividi

Si avvicina l’estate, e quale miglior modo, di sfruttare l’ambiente esterno delle nostre case, se non quello di aggiungere, ove possibile, una pergola bioclimatica o una tenda, per godersi al meglio lo spazio esterno?

Tra le diverse tipologie di pergole oggi disponibili, non possono non essere citate le innovative pergole bioclimatiche, ottimo compromesso tra estetica, tecnologia e benessere.

Come suggerisce il nome stesso, queste pergole offrono la possibilità di unire, quindi al design, il comfort di un ambiente naturale.  Questo perché presentano nella loro parte superiore delle lamelle orientabili, che possono essere ruotate a seconda dell’intensità della luce esterna e delle diverse condizioni atmosferiche, creando e garantendo costantemente un ambiente ideale e confortevole. 

Luce tutto l’anno

Realizzate, generalmente, in alluminio, sono  particolarmente resistenti ad escursioni climatiche importanti ed inoltre possono essere utilizzate tutto l’anno, altro punto a loro favore. È possibile, infatti, delimitarne i lati con delle luminose vetrate che ne permettono l’ingresso della luce ma al contempo isolano dal freddo, facendo apparire la pergola, in questo caso, come un’estensione dell’abitazione. 

Per le loro caratteristiche, possono essere, inoltre, sfruttate non solo in casa ma da qualsiasi attività commerciale come bar o ristoranti.

Sono richiesti dei permessi comunali?

Dopo aver compreso quelli che potrebbero essere i vantaggi derivanti dalla scelta di una pergola bioclimatica, andiamo a vedere se si richiedono permessi per poter eseguire l’installazione in tutta tranquillità e sicurezza.  Considerata attività edilizia libera in accordo con quanto riportato nel Decreto Infrastrutture-Semplificazione (punto 50, Allegato 1), l’installazione, come anche la riparazione o rinnovamento, di pergole o tende nella propria abitazione, non richiede comunicazioni al comune, fatta eccezione per il diritto di terzi.  Ciò che va sempre verificato è, quindi, l’eventuale diritto di terzi come condomini o confinanti,  e che l’installazione rispetti eventuali indicazioni date dal proprio comune come ad esempio colori o forme conformi. 

Lo stesso vale per le pergole bioclimatiche. Considerate elementi di arredo, per caratteristiche strutturali e funzionali, sono conformi alla sopraccitata attività di edilizia libera. Valgono, pertanto, per queste le stesse regole e permessi. 

Scegliere una pergola bioclimatica ti aiuterà facilmente a valorizzare il tuo spazio esterno, con un tocco di classe, e a creare un ambiente utilizzabile tutto l’anno.

Ora non ti resta che correre ad installare la tua pergola bioclimatica

Fonti: GibusBelle Pergole

Articoli simili